New Craftsmanship 18 Giugno 2021

PEPPINOPEPPINO SS22

 

Presentati!

Lavoro nel mondo dell’abbigliamento da più di 20 anni e ho iniziato con uno stage in uno dei negozi di jeans più famosi di San Francisco, dove mi sono innamorata del denim. Da allora ho lavorato come commessa, visual merchandiser, buyer e product manager, in Italia e all’estero. Posso dire di avere un’esperienza di settore rotonda.

Come mai questo nome? È troppo carino!

Quando ho fondato il blog vivevo a Berlino. Stavo camminando in Mitte pensando ad un nome per il blog e, per qualche motivo, mi è venuto in mente PeppinoPeppino. Si tratta di un nome italiano, ironico e divertente che si associa adesso perfettamente al marchio. 

Che significato ha per te la sostenibilità?

Usare, quando è possibile, tessuti e bottoni di magazzino, tecniche di lavaggio che risparmiano acqua ed energia e che non fanno uso di sostanze chimiche, accessori e salpe realizzati con materiali riciclati e vegani. Questa, però, è solo una parte della storia. Per noi sostenibilità vuol dire anche offrire un prodotto di alta qualità, fatto in piccole fabbriche in Italia, un prodotto intramontabile che trascende mode e tendenze. In questo senso ci piace definire PeppinoPeppino come un marchio anti-fashion. Produrre meno e bene è il suo mantra. 

Quali altri valori abbraccia il vostro brand?

PeppinoPeppino è un brand “onesto”. Onestà implica offrire un prodotto ben fatto che i nostri clienti possano indossare per anni, senza pagare cifre astronomiche.

Da dove arrivano i materiali? 

La produzione e i tessuti sono tutti italiani (nord Italia). Per noi il made in Italy è veramente un valore.

In che cosa il vostro brand è unico?

Il mondo vintage - workwear e militare - rappresenta una grossa fonte di ispirazione. PeppinoPeppino nasce con silhouette completamente diverse da quello che il mercato del denim attualmente offre.

Raccontaci la vostra ultima collezione.

La collezione SP22 che abbiamo appena lanciato è fedele allo stile PeppinoPeppino, con capi ispirati ad indumenti vintage acquistati nei mercatini dell’usato. Abbiamo ampliato la nostra offerta di salopette di ispirazione workwear che rappresentano capi per noi iconici e, questa stagione, saranno disponibili anche t-shirt, la famosa “primetta” bag, fatta con tele di recupero e anche calzini (ispirati a vecchi calzini rugby) realizzati in collaborazione con il brand Heritage.9.

 

 

ALTRI ARTICOLI

MUNDANE SS22
Scopri di più →

  Il marchio Mundane è stato fondato da Luca Di Fabio, italiano che vive a Nashville, in Tennessee. L’obiettivo? «Creare una moda upcycling che duri per sempre, mixano creatività di diversi designer, attitude g...

Leggi di più →
WAXMAN BROTHERS INTERVIEW
Scopri di più →

Raccontaci il tuo percorso e come è nata la tua realtà "Il progetto Waxman Brothers nasce a Parigi nel 2015 da me e da un amico. La passione per la moda e la voglia di...

Leggi di più →
SANDRO MARZO INTERVIEW
Scopri di più →

Cos'è per te la moda?   "La moda è un mezzo per esprimere me stesso e il modo in cui osservo la vita, che sta a...

Leggi di più →
ARTICHOKE BAGS SS22
Scopri di più →

  Dalle vele agli zaini, per creare un prodotto moda che sia sostenibile e cool allo stesso tempo. È questo l’obiettivo del marchio Made In Italy Artichoke. Come ha spiegato Lorenzo Scotto, fondatore e amministra...

Leggi di più →
MUNDANE INTERVIEW
Scopri di più →

Cos'è per te la moda? "La moda è la venerazione delle apparenze come forma più sincera di comunicazione. I vestiti fanno le persone e le persone decidono (anche invol...

Leggi di più →
BGBL SS22
Scopri di più →

  Upcycling di lusso, che trasforma pelle proveniente dagli scarti dell’industria alimentare e vecchi palloni in borse e zaini di design. «Il risultato? Una collezione ben fatta di accessori Made In Italy che fa ...

Leggi di più →
REFLECT EYEWEAR INTERVIEW
Scopri di più →

Raccontaci il tuo percorso e com’è nata la tua realtà. "Sono cresciuto nel laboratorio di occhiali di mio padre, quindi è da quando ero bambino che h...

Leggi di più →