Responsible Innovation 13 Gennaio 2021

BLUE OF A KIND INTERVIEW

 

Puoi parlarci della collezione che presenti al White? Ispirazioni, key pieces, materiali...

La nostra è una collezione continuativa, in cui aggiungiamo ogni stagione modelli e colori nuovi. In passato eravamo focalizzati sulla donna ma oggi i capi sono genderless. Il nostro focus è sempre stato quello di capi di abbigliamento upcycled, tutti i prodotti derivano da tessuti di stock, scarti e sono colorati con polvere di tessuto. Oggi l’obiettivo è lavorare sempre meglio tessuti già esistenti, aggiungendo più lavaggi con tecniche innovative e limitare gli sprechi d’acqua in un’ottica di ottimizzazione delle risorse. 

Quella della sostenibilità è ormai una questione cruciale per il settore del fashion (e non solo), da questo punto di vista come si pone il tuo marchio?

Siamo partiti con questa idea in testa, abbiamo provato a spingere sul filone della sostenibilità 3 anni fa quando ancora questo fiume di narrativa sul tema non era presente. Al momento si sta creando un vero sentire del consumatore ma anche del brand. La sostenibilità diventerà un elemento fondamentale e insito ogni brand per poter promuovere le collezioni e pubblicizzarle.

Nell’epoca di social, comunicazione ininterrotta e cambiamenti continui, su cosa dovrebbe puntare un brand per ritagliarsi un suo spazio?

La sostenibilità è stato un vettore di comunicazione molto forte, stiamo già provando a non spingere solo su questo tema ma trovarne di nuovi. Un brand deve sempre avere un approccio identitario molto forte, creare delle community. Non ci sono più dei consumatori, ma quasi dei proseliti che si creano intorno al marchio, per questo i nuovi consumatori diventano quasi degli ambassador per noi.

Un vostro ambassador tipo, anche nel mondo influencer?

Abbiamo sempre realizzato campagne con persone vere, professionisti di successo nel loro settore che ci raccontassero con il loro approccio. La ricerca di nuovi talent che condividano i nostri valori è sempre aperta però.

Nuovi progetti in arrivo?

Stiamo cercando di ibridare il denim in quanto appassionati di questo materiale sin dalle origini. Cercheremo di estendere il range dei prodotti rimanendo però fedeli al concetto di upcycled. L’idea è quella di lavorare su altre categorie merceologiche come le tshirt, ma sempre con le premesse iniziali.

 

ALTRI ARTICOLI

BE.GIN INTERVIEW
Scopri di più →

Raccontaci il tuo percorso e come è nata la tua realtà "Be.GiN è il brand di abbigliamento sportivo ecosostenibile parte di CasaGIN, un progetto nato nel 2017 dall’idea ...

Leggi di più →
PATRICK MCDOWELL INTERVIEW
Scopri di più →

Quando e come ti sei orientato alla sostenibilità? «Avevo 13anni e, non comprandomi i miei genitori uno zaino nuovo, decisi di fare da me. La mia prof di arte rimase entusi...

Leggi di più →
FLAVIALAROCCA SS22
Scopri di più →

  Romana, fondatrice del marchio che porta il suo nome, vincitrice nel 2019 del Franca Sozzani GCFA Award per il miglior designer emergente ai Green Carpet Fashion Awards Italia, Flavia La Rocca propone una moda fun...

Leggi di più →
GILBERTO CALZOLARI WSM
Scopri di più →

  Chi è Gilberto Calzolari oggi?  Se mi guardo indietro, vedo in questi ultimi 4 anni ...

Leggi di più →
GOOD SUSTAINABLE MOOD SS22
Scopri di più →

  Una moda evoluta, definita 5.0, tra sostenibilità e innovazione. Così il marchio Good Sustainable Mood dialoga con i propri clienti, per educarli a una moda green, slow e affascinante. Come ha spiegato Elena Pre...

Leggi di più →
RIFO' LAB INTERVIEW
Scopri di più →

  È il nostro principale valore e il motivo per il quale esiste il marchio. Per noi sostenibilità significa produrre attraverso fibre rigenerate che risparmiano acqua e risorse esauribili, attraverso una produzion...

Leggi di più →
TEESHARE INTERVIEW
Scopri di più →

Com'è nato il vostro progetto? "Ho lavorato moltissimi anni in studi di consulenza, principalmente per collezioni donna sportswear e denim in Italia e Spagna.Ho vissuto in p...

Leggi di più →