Responsible Innovation 13 Gennaio 2021

PATRICK MCDOWELL INTERVIEW

Quando e come ti sei orientato alla sostenibilità?

«Avevo 13anni e, non comprandomi i miei genitori uno zaino nuovo, decisi di fare da me. La mia prof di arte rimase entusiasta e mi spinse a continuare, non solo con le borse ma con gli abiti. Otto anni dopo ero alla Central Saint Martins che riflettevo sullo spreco dell’industria della moda, preparando una tesi ad hoc. Ecco: diciamo che penso e creo in modo sostenibile da sempre, ma che solo all’università ho capito che cosa volesse dire quella parola – sostenibilità - di cui parlavano tutti».

Pensi che la moda sostenibile sia davvero un concetto possibile?

«Al di là del fatto che la cosa più sostenibile ovviamente sarebbe non produrre nulla, quello che penso è che noi produciamo milioni di abiti cercando di indovinare che cosa la gente avrà voglia di comprare… per questo c’è un moltissimo invenduto! Se fosse possibile trasformare le produzioni di tutta l’industria in base agli ordini, lo spreco diminuirebbe radicalmente e la gente smetterebbe di comprare fast fashion, perché aspettando si renderebbe conto di aver bisogno di una cosa pensata piuttosto che di cinque comprate di impulso».

Cosa presenti a WSM?

«È una collezione nata per celebrare la diversità, ma è anche interessante perché essendo nata durante la pandemia è interamente digitale».

Pensi che la digitalizzazione che abbiamo sperimentato durante la pandemia sia di aiuto alla sostenibilità?

«Penso che la tecnologia sia essenzialmente uno strumento e come tale possa essere usata bene o male. Da un lato gli abiti digitali possono però colmare quel bisogno espressivo eccessivo e superficiale oggi colmato dal fast fashion».

L’ultimo traguardo di cui sei orgoglioso

"La collaborazione con Pinko: è davvero un bel segnale che un’azienda del genere abbia voluto recuperare e rinnovare capi invenduti d’archivio per rimetterli in circolo. È una mossa pionieristica ed è anche il modo più semplice di intraprendere un percorso di sostenibilità"

ALTRI ARTICOLI

NTMB INTERVIEW
Scopri di più →

Artigianalità, sostenibilità e glamour sono i tratti caratteristici di NTMB, brand napoletano fondato da Davide De Vivo e Matteo Paloni, con l'intento di rivoluzionare il panorama del fashion system attraverso capi dal grande impatto visivo.&nbs...

Leggi di più →
RIFO' LAB INTERVIEW
Scopri di più →

  È il nostro principale valore e il motivo per il quale esiste il marchio. Per noi sostenibilità significa produrre attraverso fibre rigenerate che risparmiano acqua e risorse esauribili, attraverso una produzion...

Leggi di più →
WUULS INTERVIEW
Scopri di più →

In un’escursione tra i monti del Gran Sasso, Emanuela Picchini scopre un’associazione che si occupa di pecore autoctone e biodiversità. Se ne innamora e pensa a un progetto di maglieria a km zero. Di lì a poco nasce Wuuls. ...

Leggi di più →
GOOD SUSTAINABLE MOOD INTERVIEW
Scopri di più →

Qual è il GOOD MOOD della collezione? "Mi interessava iniziare a lavorare su tessuti e processi, innovativi e sostenibili. Far conoscere alle persone delle alternative effet...

Leggi di più →
STORIES MILANO INTERVIEW
Scopri di più →

Passione per l’ambiente e la sostenibilità, design e qualità dei materiali. Sono questi i punti chiave del brand Stories, guidato oggi da Stefano Giordano, designer e co-fondatore. Insieme al team, il creativo vuole rivoluzionare la moda e il ...

Leggi di più →
GOOD SUSTAINABLE MOOD SS22
Scopri di più →

  Una moda evoluta, definita 5.0, tra sostenibilità e innovazione. Così il marchio Good Sustainable Mood dialoga con i propri clienti, per educarli a una moda green, slow e affascinante. Come ha spiegato Elena Pre...

Leggi di più →