Responsible Innovation 14 Gennaio 2021

TEESHARE INTERVIEW

Com'è nato il vostro progetto?

"Ho lavorato moltissimi anni in studi di consulenza, principalmente per collezioni donna sportswear e denim in Italia e Spagna.Ho vissuto in prima persona le migrazioni delle produzioni dall’Italia alla Cina, India e Turchia, un gioco al ribasso che teneva conto solo e unicamente del profitto finale. Nella mia esperienza come consulente in Spagna, ho avuto la fortuna di lavorare a lungo per un marchio con produzione locale, proprio in quel periodo ho iniziato a pensare di fare qualcosa, unire tutte le mie esperienze lavorative e personali, accendere una luce per far vedere anche agli altri i meccanismi sempre più distorti del fast fashion. Mi sono auto finanziata e da gennaio 2013 ho ideato il progetto teeshare, un connubio tra arte e moda sostenibile"

I valori del vostro brand

"teeshare è un progetto di unione tra moda responsabile tra arte. Costruito sul concetto di condivisione, non è solo un buon proposito ma la caratteristica fondamentale del brand. Tra gli obiettivi c’è la trasparenza produttiva che riconosce e comprende il valore delle persone coinvolte nel progetto. Penso che sentirsi bene nella propria pelle è la sfida di oggi: la moda sostenibile e l’arte sono la mia chiave di lettura per celebrare ambiente e persone"

La vostra idea di moda responsabile

"Negli anni ho integrato, nel rispetto delle  forze produttive teeshare, dei passaggi chiave per rendere la collezione sempre più sostenibile. Utilizzo materiali a basso impatto ambientale come il cotone organico certificato GOTS, tessuti di fine serie e materiali riciclati. La moda responsabile è un processo, che ha luogo in pensieri e azioni di condivisione, ricerca e futuro. Per questa ragione nel  2018 ho co-founded rén, un movimento culturale che ispira, informa e promuove la sostenibilità aumentando la consapevolezza collettiva, creando un flusso che parta dalle singole persone."

Arte e artigianlità nelle vostre collezioni

"teeshare è lontana dall’idea di serialità. Ho cercato laboratori che potessero soddisfare il controllo qualità e realizzare le collezioni, anche quelle in edizione limitata e i capi personalizzati per i nostri clienti con richieste speciali. Creo capi di abbigliamento e accessori, confezionati in laboratori italiani e personalizzati da artigiani uno a uno. Trovano identità ricami a mano, serigrafie, dipinti a mano, minuterie, poesie e illustrazioni.Traguardi di cui siete orgogliosi e nuovi progetti all'orizzonte. Ogni volta che le persone apprezzano il progetto, il tessuto, la vestibilità o il design che ho creato. Capisco che il lavoro che svolgo ha un'influenza positiva su di loro, in qualche modo. Questa è una delle esperienze e traguardi più gratificanti. In questo momento non avere piani è il piano."

 

 

 

ALTRI ARTICOLI

SILVIA GIOVANARDI INTERVIEW
Scopri di più →

Sei un'artista o una stilista? "Sono un essere umano che ancora se lo sta chiedendo… Sono entrambe le cose, o nessuna delle due. Sto provando a non identificarmi con q...

Leggi di più →
ID EIGHT INTERVIEW
Scopri di più →

Come avete lanciato il progetto? "Dopo aver visto l’entusiasmo dei nostri amici abbiamo deciso di lanciare una campagna di crowdfunding. Nelle prime 24 ore abbiamo raccolto...

Leggi di più →
SILVIA GIOVANARDI SS22
Scopri di più →

  Fashion designer, pittrice e fotografa, Silvia Giovanardi propone capi seasonless e genderless ma soprattutto rispettosi dell’ambiente e dell’uomo. ...

Leggi di più →
TIZIANO GUARDINI WSM
Scopri di più →

  Visti i tuoi traguardi, che cosa è cambiato rispetto ai tuoi inizi? Guardo ai traguardi e mi sorprendo come se non li avessi real...

Leggi di più →
WUULS INTERVIEW
Scopri di più →

In un’escursione tra i monti del Gran Sasso, Emanuela Picchini scopre un’associazione che si occupa di pecore autoctone e biodiversità. Se ne innamora e pensa a un progetto di maglieria a km zero. Di lì a poco nasce Wuuls. ...

Leggi di più →